Home / Città d'Arte / Visite guidate a Siena: qual è il miglior periodo per prenotarle?

Visite guidate a Siena: qual è il miglior periodo per prenotarle?

siena-piazza-del-campoChi ha intenzione di prenotare una visita guidata a Siena potrebbe essere interessato nel sapere qual è il periodo più indicato per andare alla scoperta della città: è normale che, nel programmare un soggiorno, si voglia essere sicuri di poter contare sul bel tempo. La stagione più adatta è forse quella primaverile: i mesi di aprile, maggio e giugno sono decisamente amabili nella città toscana, che si caratterizza per un clima estremamente gradevole e, soprattutto, non è troppo affollata. Ecco perché in queste settimane si ha l’opportunità di passare all’aria aperta molto tempo: vale la pena di cogliere la palla al balzo per fare un giro nel centro storico e dedicarsi all’esplorazione e alla conoscenza delle diciassette contrade. Naturalmente, sono tante le mete che si possono segnare in agenda, dai Giardini della Lizza alla Fortezza Medicea, passando per la Torre del Mangia e Piazza del Campo.

Anche l’estate, d’altro canto, è perfetta per prenotare attraverso il sito www.guideintoscana.it delle visite guidate a Siena: e non solo perché è proprio in questa stagione che va in scena il celebre Palio. Che si tratti del Palio della Madonna di Provenzano, in programma il 2 luglio, o del Palio della Madonna Assunta, in programma il 16 agosto, è necessario programmare il tutto con largo anticipo, per non farsi travolgere dal fermento che caratterizza la città. Non c’è senese che non sia coinvolto in qualche modo nei dettagli organizzativi della celebrazione, mentre per i turisti può essere un po’ complicato trovare i biglietti: ma l’importante è non lasciarsi scoraggiare.

Cosa fare in autunno e in inverno

Per quel che riguarda la stagione autunnale, poi, è bene mettere in evidenza che il clima a Siena a partire dal mese di settembre in avanti è piacevole e mite: non si corre il rischio di avere a che fare con un freddo imprevisto. Può essere l’occasione giusta, dunque, per scoprire i borghi medievali che si trovano nei dintorni, ma anche per approfittare di un soggiorno alle terme o per godersi le Crete Senesi. In alternativa, pur rimanendo in città ci si può cimentare in qualche itinerario originale e poco comune, per esempio a Ottobre, quando si svolge la giornata dell’urban trekking, con percorsi adatti a persone di tutte le età che permettono di conoscere storie note e meno note.

Infine, le visite guidate a Siena in inverno non possono che portare in uno dei tanti musei della città: tra una sosta in enoteca e un pranzo al ristorante, si può pensare di programmare una tappa al Santa Maria della Scala. La città, in più, mette a disposizione un gran numero di appuntamenti sul fronte culturale. Insomma, che si abbia voglia di apprezzare i prodotti della gastronomia locale o che si preferisca osservare da vicino le statue e gli affreschi di una chiesa antica, a Siena c’è solo l’imbarazzo della scelta, e non bisogna temere i rigori dei mesi di gennaio e febbraio né farsi spaventare dal freddo. Sotto Natale, infine, l’atmosfera è più che magica, quasi incredibile, di certo unica.

About Albertino Iadanza